L'Angolo della Poesia

Vurria…

Io vurria… fa’ nu ggiurnale â smerza

addò cuntasse sulo ‘e ccose bbelle:

si no int ‘a primma pagina, int’ ‘a terza

o dint’ ‘a na culonna piccerella…

vurria parlà ‘e tanti pat’ ‘e famiglia

ca vanno a ffatica’ onestamente,

oppure ‘e chillu figlio o chella figlia

ca studiano campann’ ‘mmiezz ‘e stiente,

d’ ‘e ggiovane ca dint’a nu spitale

vanno aiuta’ a vvecchie e vicchiarelle,

trattanno cu dducezza tal’e quale,

a chilli calme a ‘e chiù scapriciatielle,

‘e chi rispetta e aiuta ‘e genitore,

‘e chi assiste a n’ handicappato,

‘e chi fa cumpagnia, cu tutt’ ‘o core,

a cchi sta sulo e a chi è abbandunato,

a chi torna – e certo lle fa onore

– ‘o portafoglio ca ‘nterra ha truvato;

‘e chi, vedenno c’haje nu malore,

te succorre e nunn’ ‘o … lassa fa’ a ll’ate.

‘E chesta ggente nun se dice niente,

chissà pecchè chesto nun fa nutizzia

se parla sulo ‘e chi fa ‘o malamente

cu cattiveria o sulo cu mmalizzia.

Belli, drogati, violenti e assassini

jèncheno ‘e primme paggine e ttu vide

‘o munno ‘n miez ‘a mmale senza fine

e a ll‘essere umano cchiù nun cride.

Eh, no! J’ ll’aggia fa’ ‘o ggiurnale â smerza

io ll’aggia scrivere ogne ccosa bella;

si no ‘int’ a’ primma paggin’, int’a’ terza:

ma inzomma, ha dda ferni’ ‘sta jacuvella.

Potrebbe piacerti...