La Bella Scuola

La didattica a distanza: un cammino in comune

Un antico proverbio africano afferma: “Per crescere ed educare un bambino ci vuole un intero villaggio”. È una massima che vuole rimarcare l’impegno che coinvolge l’intera comunità educante: quello di prendersi cura dei propri giovani lavorando in continua sinergia e in reciproca fiducia, al fine di creare un’alleanza educativa che permetta di guardare nella stessa direzione. Ebbene, oggi, più che mai, la scuola ha dimostrato di essere pronta a lavorare insieme per tutelare i propri giovani dalle difficoltà cui possono essere esposti. Docenti e genitori, durante l’intero periodo del lockdown, si sono uniti per contrastare ciò che, purtroppo, stava minando la  serenità dei nostri  ragazzi: il distacco improvviso dal proprio quotidiano, fatto di aule, di compagni e di condivisione di esperienze. Nella costruzione del cammino in comune ci si è ritrovati ancor più vicini, con l’obiettivo preciso di fare rete e costruire ponti, per diminuire la distanza fisica. Un rapporto, quello tra scuola e famiglia, che si è trasformato in un incontro di vera comunicazione e di enorme collaborazione, laddove ognuno, nonostante la diversità dei ruoli, ha operato con tutte le proprie energie, portando avanti la  formazione e la crescita dei giovani in un momento di grande smarrimento, paura e sconforto. Un crescere insieme, dunque, in un cammino di ricerca e di speranza. Un lavoro sinergico che ha visto i docenti, da un lato, impegnati nella realizzazione, seppure virtuale, di un ambiente di apprendimento accogliente, caloroso e quanto più similare a quello tradizionale ed i genitori, dall’altro,  pronti ad attuare ed agevolare il lavoro in presenza. Ci si è messi gli uni nei panni degli altri, in un’ottica di aiuto reciproco e di immedesimazione per le difficoltà che ognuno, a suo modo, stava vivendo. Ci si è tesi la mano, per il benessere dei propri ragazzi. Un’esperienza che rimarrà, senza dubbio, nei ricordi di tutti e che ha evidenziato, ancor di più, l’importanza del dialogo educativo tra scuola e famiglia, presupposto imprescindibile e fondamentale per una proficua azione formativa ed educativa. Resta, ad agni modo, la precisa convinzione che il processo di educazione e di formazione debba necessariamente svilupparsi in un ambiente in cui la relazione possa realizzarsi in modo autentico, reale e, soprattutto, senza un distanziamento sociale.  È, comunque, doveroso fare un enorme plauso a tutta la comunità educante per aver fatto sì che nessuno alunno rimanesse indietro, ma il complimento più grande è, senza dubbio, per gli alunni: “piccolo grandi eroi” che, con impegno, coraggio, determinazione ed enorme resilienza hanno superato le difficoltà di questo tempo così difficile. Viva la scuola che sa andare avanti, nonostante tutto!

Potrebbe piacerti...